Cerca nel blog

mercoledì 17 agosto 2016

Mik Seccia

Mik Seccia
   Di questo autore, che è il creatore grafico di Caucciù, non avevamo nessun dato, né anagrafico, né di altro tipo. Vi è una disegnatrice disney, Raffaella, con lo stesso cognome,  ma non sono parenti.
 Sul primo numero di Tiramolla del 1957, uscito a gennaio, arriva Caucciù. Tiramolla è in trappola e letteralmente crea Caucciù. In seguito Caucciù, che ne combinava un mare insieme al cagnolino di gomma Ullaò [creato da Manfrin], chiamò sempre Tiramolla solo zio.


Mik Seccia fece numerose altre storie tra cui la saga di Alì Tiramolla.





 Se qualcuno potesse aiutarci, gliene saremo grati.

    Dopo aver fatto la scheda sul mio sito, nel giugno del 2015 mi scrisse il signor V. Costa, collezionista di Milano, il quale aveva comprato un bel pò di tavole realizzate per delle cartoline di varie città italiane con i personaggi disney. 
    Infatti sul retro delle tavole vi era appunto Seccia. Poteva essere lo stesso Seccia che collaborò con l'Alpe di Milano? Il modello per i paperini - come confermato da Luca Boschi - è comunque Perego. Un'informazione in più su questo misterioso autore.



    Finalmente! Grazie alla gentilezza del Diaboliko Paolo Forni ora sappiano chi è Michele Seccia. Infatti da oltre un anno Paolo aveva rintracciato un pittore attivo in Francia, fino ad avere la conferma che è il papà di Caucciù! Una bella intervista è presente sulla rivista Ink n. 67!
   
la foto del Maestro Seccia dal suo bel sito:
  Michele Seccia è nato a Trani (Bari) il 10 aprile del 1930, dopo aver frequentato il Liceo artistico di Barletta e poi l'Accademia di Belle Arti, si trasferisce a Milano e in questo periodo prende il "Patentino" della SIAE come autore della parte letteraria delle canzoni, ovvero il paroliere. 
  Seccia con il marchio New Cartoon’s Study ha realizzato i disegni di copertina di alcuni libri come:



Prima edizione italiana di Rape of Honor. Tutta tela editoriale, titolo oro, sovraccoperta illustrata da "New Cartoons Study".


25 racconti neri e fantastici (Les 25 meilleures histories noires et fantastiques), Jean RAY
cop. New Cartoons Study, tr. Eleonora Bortolon 
Il Giroscopio  Baldini & Castoldi, Milano
 
  Poi si dedica ad illustrare delle cartoline postali con immagini di città italiane unitamente ai personaggi disney, di cui avete un esempio in alto. 

Alcuni personaggini editi in Francia su Roico en couleurs n. 53 del set. '58 

   Assunto alla Alpe, crea su incarico di Caregaro (e credo proprio che la stessa cosa sia avvenuta nel '41, con Pedrocchi nella creazione di Cucciolo & Beppe) altri personaggini, come Caucciù e Alì Tiramolla e ne disegna altri come Nonno Giobbe. Nel '63 realizza anche copertine di libri come "25 racconti di fantascienza" di Jean Ray.
   Nel '60 abbandona il mondo delle nuvole parlanti e torna nella sua terra natia dove disegna intarsi per mobili e poi nel '66 se va dal nostro Paese e approda in Francia dedicandosi alla pubblicità; qui sposa una ragazza francese che gli dona due figli. Ormai in pensione si dedica alla pittura.


   Un'ultima, simpatica curiosità: nei suoi disegni (come questo sotto del '59) tavolta compariva una corona. Il fatto si spiega perchè la sua famiglia discende da Re Martino I di Sicilia. 
  

    
Marco Pugacioff   
ritorna a
La scuola di Rapallo
oppure va agli
articoli  
 

Nessun commento:

Posta un commento