Cerca nel blog

giovedì 18 agosto 2016

Giuseppe Galantara [Ratalanga]





Giuseppe Galantara [Ratalanga]





Un 'Uno' con le gambe e le braccia, personificazione del Primo Maggio sta per schiacciare con i piedi e sta per bastonare i ricchi,
i capitalisti, i preti e coloro che investono negli armamenti.
Vignetta senza data.

     Giuseppe Galantara nacque a Montelupone, in provincia di Macerata, il 18 ottobre del 1867. Socialista militante, fu illustratore politico di fama internazionale e lavorò per l'"Avanti!", per riviste tedesche e francesi, tra le quali i famosissimi "Assiette au beurre" e "Le Rire".











Galantara conobbe il periodo di maggior successo con la rivista anticlericale "L'Asino", che aveva come sottotitolo <<utile, paziente e bastonato>> dove si firmava come Ratalanga, che diresse, insieme al coetaneo Guido Podrecca, dal 1892 al 1922.  Già dopo i moti del maggio 1898, Galantara rivede le patrie galere, che già aveva conosciuto a causa della sua opera satirica. In questi anni il disegnatore fece molti viaggi all'estero, dove si era diffusa la sua fama di caricaturista.

   Per le posizioni assunte nei confronti dell'intervento nella prima guerra mondiale e in seguito agli eventi rivoluzionari russi del 1917, dove purtroppo Lenin e i bolscevichi venivano rappresentati come agenti tedeschi, «L'Asino» si alienò le simpatie delle masse socialiste e perse consenso tra i suoi lettori.







Ma perché ci hanno ucciso i papà? (Giacomo Matteotti e Armando Casalini) è uno splendido disegno di Gabriele Galantara (firma Rata Langa) su Il Becco Giallo del 21 settembre 1924. Da: http://giacomo-matteotti.tuarovigo.org/2015/01/ma-perche-ci-hanno-ucciso-i-papa.html 

   Con l'avvento del Fascismo passò al "Becco Giallo", finendo più volte arrestato per le sue vignette. Nel dicembre 1926 venne arrestato e condannato a cinque anni di confino, pena commutata poi nella libertà vigilata; gli fu comunque vietato di svolgere l'attività giornalistica. Collaborò saltuariamente in forma anonima con il giornale umoristico Marc'Aurelio e con editori vari nell'illustrazione di libri.
   Fu come Garibaldi, membro del Grande Oriente D'Italia.
La vigilanza speciale gli fu tolta solo poco prima della morte, avvenuta a Roma, per l'aggravarsi dell'enfisema polmonare di cui soffriva, il 10 gennaio del '37.
    Scheda succinta tratta da:
e da




A Galantara è stato dedicato un centro studi a  montelupone

Marco Pugacioff   
ritorna a
 


 









Nessun commento:

Posta un commento