Cerca nel blog

mercoledì 5 ottobre 2016

L’esoteria di Cucciolo & Beppe.


L’esoteria di Cucciolo & Beppe.
§§§§§§§§§§§
Ovvero come fu che la setta dei fumettari creò Tiramolla.
§§§§§§§§§§§
Articolo scherzoso di Marco Pugacioff

L’esoterismo nel campo della cartografia è un terreno ancor vergine da cui si possono tirar fuori notizie eccezionali. Non è più un mistero che la famosa carta disegnata da Martino Waldseeemuller nel 1507, sia piena di conoscenze geografiche allora ancora inedite.
   Conoscenze che partivano da Firenze, e prima di arrivare a Saint-Diè (dove disegnava Martino Waldseemuller) passarono per la Valtellina, in particolare a Teglio nel Palazzo Besta.
    Il fatto è che queste conoscenze erano a conoscenza della setta dei fumettari, come dimostra ampiamente il Bunny Waldseemuller ritratto qua ha fianco. Se poi invece di una volta affrescata con ciclo della creazione, ci sia la capoccia pelata del cavaliere Taddeo Fudd, poco importa. Il messaggio è chiarissimo!


  Se pensate che la cosa non sia seria e che non si possa provare vi invito a riflettere. Da ben cinque secoli, ( intendiamo qui partire dalle ricerche fatte dal giovane studente Gerberto sulle cartine custodite nell’università di Fez in Marocco, e da cui poi fece il suo viaggio alle Indie, partendo dalle Azzorre ) nelle poche cartine sopravissute di quei anni è celata una ben precisa simbologia sacra.  


   Questa simbologia sacra è ben rappresenta dall’affresco di Palazzo Besta, dove il disegno è esattamente uguale alla carta disegnata da Martino a Saint-Diè. La cartina affrescata è contornata da un disegno a forma di mantello, e questo profilo è esattamente lo stesso dell’affresco della Madonna della misericordia nella chiesa d’Ognissanti a Firenze realizzato dal Ghirlandaio nel 1472.  


   Occhio alle date, Colombo non è ancora partito per le Americhe, eppure nell’affresco fra i vari personaggi vi è raffigurato un certo Amerigo Vespucci. E il termina America è un termine antichissimo, e non deriva certo da il succitato navigatore.
   Credete forse che la setta dei fumettari non fosse a conoscenza di tutte queste cose? Noo? Allora guardate questo famosissimo personaggio del massone Disney e poi sappiatemi dire… 


   Così la cosa è ampiamente dimostrata. Ed è per questo che in Italia i grandi maestri fumettisti si scocciarono di brutto e decisero di rispondere di conseguenza.
   Niente più conoscenze esoteriche bizzarre sulla cartografia, ma direttamente dall’Omunculus.
   In una notte di luna piena, si incontrarono il Maestro Giorgio Rebuffi con l’Amanuense Roberto Renzi, con la segreta partecipazione del Maestro Luciano Bottaro e del Principe della risata Totò. Tappandosi le orecchie  estrassero una pianta di Mandragola, e da essa, con infusioni di Colla e Caucciù, crearono qualcosa che in u.s.a. (e getta) non venne molto bene, visto che tentarono ben due volte il tentativo.


 E così la setta dei fumettari per rispondere alle conoscenze esoteriche dei disegnatori americani, Ellapeppa! crearono Tiramolla.
  Perché pensate sia poco?
 Bibliografia:
-          Bugs Bunny n. 43, ottobre 1988, ed. Cenisio Milano.
-          Super Almanacco Paperino n. 36, feb. 1983 Arnoldo Mondadori Milano.
-          Pauwels & Bergier, Il Mattino dei Maghi, pag. 81, 1963 Mondadori, Milano.
-          Cucciolo n. 8, agosto 1952, ed. Alpe Milano.

le immagini sono copyrigth degli autori e degli aventi diritto.

se vuoi leggere altri scritti della sezione Sogni & Storia vai agli
Articoli


Nessun commento:

Posta un commento