Cerca nel blog

giovedì 1 giugno 2017

Roberto Graziosi



Roberto Graziosi
21/05/1960 – 13/12/2009


   In lui, vi era una grande amore per il mondo del fumetto popolare, che sapeva trasformare – grazie alla sua particolare tecnica del puntinismo – in un alone quasi leggendario.


Elisabeth (detta Betty) Gray in Wolf. La compagna del Comandante Mark (o Cap'tain Swing), con Flok

Djustine di Enrico Teodorani
Braccio di Ferro
Matita e poi china colorata de "I maledetti di Dio" di Sven Hassel
l'allucinante battaglione di disciplina nazista
... e infine il grande idolo cinematografico: Bruce Lee



  Una delle sue grandi passioni: l’Antichità.

 
La ninfa Calipso

Circe

La Dea Diana invita alla caccia le sue ninfe
Ancora Diana con le dolci compagne



  Ma l’elemento costante della sua opera, era il cosiddetto Universo femminile…
Autoritratto con donna
La donna è evanescente come la fiamma di una candela

 Marinaio e entraîneuse
entraîneuse
 
La strega del Vesuvio, da cui uno sbuffo di fumo si trasforma in Totò
entraîneuse
 infine una donna che ricorda da vicino le antiche statue delle Dee.


Marco Pugacioff

se vuoi puoi andare alla sezione


o dei loro autori, va alla sezione
oppure a
oppure va agli

1 commento:

  1. Grazie Marco, un modo meraviglioso per ricordare Roberto

    RispondiElimina