Cerca nel blog

mercoledì 9 agosto 2017

Enrico De Seta


Enrico De Seta

    Nato a Catania il 17 febbraio del 1908, esordì giovanissimo su «La tribuna illustrata» e su «Il Travaso», alternando alle collaborazioni con giornali e riviste l’attività di cartellonista. Nel 1932, su «Il Balilla», pubblicò la serie a fumetti La famiglia Piroletto; dal ’36, sul «Corriere dei Piccoli», I Fratelli Ravanello. Nel ’37 divenne direttore di «Argentovivo!», un tentativo di giornale con fumetti esclusivamente italiani, sul quale pubblicò alcune sue interessanti storie umoristiche-avventurose; dal ’38 collaborò con alcune serie al «Marc’Aurelio», quali Giovannino ubbidì e il celebre Il mago Bacù




Mago Bacù citato in Capitan Miki

Negli anni di guerra, per «Il Balilla», creò quelle che probabilmente restano le migliori serie a fumetti di propaganda di tutti i tempi: Re Giorgetto e Ciurcillone (Per Paura della Guerra / Re Giorgetto d’Inghilterra / chiede aiuto e protezione / al Ministro Ciurcillone), Eleonora e Rusveltaccio, Il terribile Stalino.
Un capolavoro di espressività grafica e di umorismo che riesce addirittura a rendere simpatica una tirata fascista. 





    Nel periodo dell’occupazione, l’Autore collaborò a diverse teste umoristiche, per poi riprendere l’attività di cartellonista, specialmente cinematografico. 



    È scomparso a Roma il 28 novembre del 2008

Testo ripreso da Exploit comics n. 38 – ottobre 1986

Si consiglia la visione di


§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§
se vuoi puoi andare alla sezione




Le illustrazioni in bianco e nero sono tratte dal libro della XIV biennale dell’umorismo nell’arte realizzata a Tolentino nel 1987

Nessun commento:

Posta un commento